Progetto ITEA-DS

Il progetto ITEA-DS (Intelligent Tools for Emergency Applications & Decision Support, Strumenti Intelligenti per Applicazioni di gestione delle Emergenze e Supporto Decisionale), parzialmente finanziato dalla Commissione Europea (programma IST), analizza, progetta ed implementa sistemi e strumenti per la stima di situazioni d’emergenza e monitoraggio dell’impatto ambientale e supporto decisionale (con specifica attenzione al mantenimento preventivo e condizionale). Per di più ITEA-DS enfatizza il ruolo della standardizzazione delle interfacce di bordo e modello dei dati come significativo mezzo per sviluppare e diffondere tali applicazioni.
ITEA-DS usa le ultime soluzioni tecnologiche informatiche per implementare nuove applicazioni e sistemi. In particolare, l’utilizzo sicuro ed efficiente della tecnologia Internet, Java, sistemi ad architetture largamente distribuite e tecnologia agente, rappresentano i principali elementi tecnici utilizzati in questo progetto.
ITEA-DS propone un concetto innovativo per l’integrazione di strumenti di supporto decisionale e valutazione di situazioni che contribuisce alla creazione di un ITS (Intelligent Transport System, Sistema di Trasporto Intelligente) più sicuro (per gli equipaggi, così come per le navi e le merci) e con un buon impatto ambientale.

ITEA-DS riguarda le seguenti questioni:

  • Sicurezza della nave, monitoraggio dello stato della nave e gestione dell’emergenza;
  • Riduzione dei costi operazionali e di gestione;
  • Protezione ambientale e controllo delle prestazioni ambientali;
  • Standard e linee guida ad una nuova legislazione più restrittiva ed uniforme, con la riduzione delle idiosincrasie nelle diverse leggi degli stati membri della UE.

Anche tenendo conto solo di trasporto di passeggeri e petrolio, i recenti incidenti hanno dimostrato in modo drammatico i costi sociale ed economico sono troppo alti per la comunità per essere ancora ignorati.
ITEA-DS propone soluzioni commerciali e tecniche che forniscono un sistema integrato per controllare lo stato completo della nave e supportano i diversi attori, di bordo e a terra (ad es. autorità portuali), in caso di gestione di condizioni critiche.
ITEA-DS ha anche lo scopo di dimostrare che il proposto concetto di integrazione fornisce un’interessante compensazione tra riduzione del costo di gestione della flotta per i proprietari di navi (operazionale, di manutenzione, assicurazione, ecc.) e la conservazione di vite umane e risorse naturali (ecosistema) ed economiche (turismo, pesca, ecc.).
Il miglioramento degli esistenti sistemi di monitoraggio delle navi secondo la prospettiva ITEA-DS ha lo scopo di permettere viaggi più veloci, escludendo ognuno dei pericoli conosciuti. È quindi atteso che, sia l’economia sia la sicurezza, in termini di protezione ambientale beneficeranno dei risultati di ITEA-DS, che ridurrà la probabilità di casi dovuti ad informazioni di sistema sbagliate o mancanti.

Il progetto ITEA-DS è stato suddiviso in un certo numero di pacchetti di lavoro basati su diversi domini di applicazioni:

  • SAIDA – Ship Area Intelligent Data in Automation (Dati dell’Area Intelligente della Nave in Automazione).
    Un sistema di strumentazione (per sensori, attuatori, ed ogni altra unità intelligente di controllo e di monitoraggio) che permette ampio accesso ad ogni tipo di dato in ogni unità della nave, incluso il valore dello stato effettivo così come i “metadati” che descrivono ad esempio storia della revisione, funzioni operative, HMI nascosti, modelli di dati o altri attributi associati all’unità. Questo è un fondamento necessario per costruire un sistema distribuito di mantenimento con funzioni di gestione remota del sistema così come un certo numero di applicazioni di supporto e di controllo (come le applicazioni all’attenzione di questo progetto, come altre, non considerate direttamente in esso).
  • DIMES – Distributed Intelligent Evaluation and Maintenance System (Sistema Distribuito ed Intelligente per la Valutazione ed il Mantenimento).
    Per rendere più facili le operazioni di mantenimento è stato stabilito un sistema che può fornire una visione “globale” della nave. In tal senso, si investiga su un nuovo concetto di sensori “intelligenti” usati nelle configurazioni di un sistema di completamente integrato di automazione/controllo che assisterà nell’estrazione ed uso di vari tipi di informazioni e non solo per i dati di base forniti di solito da un sensore convenzionale (misurazioni, valori in uscita, ecc.).
  • ISEMS – Interactive Ship Emergency Management System (Sistema Interattivo di Gestione dello stato di Emergenza della Nave).
    Un sistema a tempo reale interattivo che fa uso di SAIDA per fornire valutazioni di situazioni all’operatore in certe situazioni di emergenza, come cattivo tempo (Basso comfort dei passeggeri, pericolo per la nave o il carico), fuoco, fumo ed alte temperature, arenamento e stabilità, evacuazione. Saranno anche considerati l’impatto ambientale di rovesciamento di petrolio o altri tipi di problemi ed ISEM fornirà i mezzi per la loro valutazione.
  • G-HMI General HMI workstation (workstation generale HMI).
    Implementazione/sviluppo di una workstation che può caricare e mostrare programmi su display da unità di automazione intelligenti (SAIDA) o altri strumenti di supporto decisionale di bordo e presentare queste informazioni ad ogni locazione.
  • Shipborne integrated decision support and situation assessment (SHIDES-SA) (Strumento integrato di supporto decisionale e valutazione della situazione).
    Uno strumento di supporto decisionale per valutazione della situazione ad alto livello, che fornisce filtri per informazioni adattabili e servizi di controllo per ridurre la quantità di informazione presentata all’utente ed evita problemi di sovraccarico. L’informazione resa disponibile da SAIDA sarà filtrata secondo l’effettivo contesto (compiti da svolgere, stato ed esperienza dell’utente, condizioni ambientali ed operative).
    L’applicazione intende essere di supporto in modo effettivo alle operazioni centralizzate di monitoraggio e controllo della nave, assicurando un alto livello di sicurezza ed efficienza anche quando queste operazioni sono svolte da un equipaggio ridotto e/o senza esperienza.
    In aggiunta alla funzionalità di filtro dell’informazione adattabile di base, l’applicazione può fornire strumenti più specifici per aiutare l’operatore nell’interpretazione dell’informazione disponibile. Per dimostrare questo concetto SHIDES-SA integrerà uno strumento di monitoraggio delle prestazioni generali della nave per diagnosticare situazioni dove sarebbe essenziale un mantenimento preventivo.
  • AISMA Adaptive ISM Assistant (Assistente ISM Adattabile).
    Un sistema intelligente basato su ISM fornisce un supporto agli utenti di bordo secondo i loro ruoli e il contesto dello stato della nave generato da strumenti di valutazione di situazioni come DIMES, ISEMS e SHIDES-SA. A parte i profili utente predefiniti e visioni di compiti creati secondo il contesto, AISMA fornirà l’assistenza adattata per soddisfare profili utente generati dinamicamente. Il sistema monitorerà il comportamento dell’utente, mentre sta svolgendo i suoi compiti ed imparerà il modo in cui l’utente preferisce la presentazione delle informazioni e i modi specifici in cui gli utenti svolgono i propri compiti. La volta successiva che l’utente accede al sistema sarà assistito nello svolgimento dei suoi compiti.
    Un’attenzione particolare sarà data al supporto adattabile nell’implementazione delle procedure di emergenza ISM.

Rigel Engineering s.r.l. è responsabile della parte relativa alla Workstation Generale HMI e all’integrazione dei sottosistemi (SAIDA, DIMES, ISEMS, AISMA, SHIDES-SA, G-HMI).