Posts Tagged ‘Progetti’

I primi risultati del progetto MAITES

Sono in corso di finalizzazione i risultati preliminari del progetto MAITES. In particolare, sulla base di una selezione di casi d’uso rappresentanti i principali servizi erogati, è stata definita l’architettura del sistema e sono stati realizzate alcune delle applicazioni.

architettura di MAITES


 

 

 

 

 

Per quanto riguarda i contributi di Rigel al progetto, è stato completato lo studio sui metodi di valutazione quantitativa del rischio basata su approccio probabilistico e la sua integrazione nel sistema di supporto decisionale, e la conclusione della fase di progettazione della piattaforma di e-learning.

Analisi del Fault Tree

 

 

 

Interfaccia Supporto Decisionale Valutazione del Rischio

 

 

 

 

 

 

Per approfondire :

  1. maggiori info sul progetto,
  2. sito web ufficiale di MAITES.

Project manager per le attività di Rigel nel progetto MAITES è Francesco Spadoni, Responsabile della Ricerca di Rigel Engineering.

ministero-sviluppo-economicologo industria 2015

 

 

 

 

 

Progetto realizzato con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico, nell’ambito del programma Industria 2015 per la Mobilità Sostenibile.

 
















Social Networks data mining per NeoLuoghi ad EVA Florence 2015

Rigel ha presentato i risultati finali del progetto NeoLuoghi alla Conferenza EVA Florence 2015, nell’ambito della sessione “Access to Cultural Heritage”. Sono state illustrate  le tecnologie sviluppate da Rigel per l’integrazione e l’analisi dei social network allo scopo di completare l’esperienza di fruizione e di ottimizzare le raccomandazioni fornite per la visita sulla base del comportamento sui social dell’utente. L’articolo scientifico realizzato in collaborazione con i partner del progetto, si intitola “Social Networks Analysis to Enhance The Cultural Experience in the NeoLuoghi Project” ed è stato illustrato alla conferenza da Francesco Spadoni.

social networks data mining

Nel contesto di una nuova offerta culturale realizzata sia in luoghi fisici come centri storici, campi di battaglia, aree archeologiche, ecc., sia in nuove strutture come i parchi tematici culturali, il progetto NeoLuoghi ha l’obiettivo di creare soluzioni coordinate per la progettazione, la gestione e la valorizzazione di questi nuovi contesti fruitivi, rappresentati dai parchi tematici “impliciti” (centri urbani) ed “espliciti” (parchi tematici artificiali di argomento culturale).

 

EVA Florenec2015 Cover - 2940_7076
Abstract

This paper presents the results of NeoLuoghi, a research project co-funded by the Italian Ministry of Education, University and scientific Research (MIUR) under the PON R&C program, with special focus on the social networking aspects. The project proposes an innovative methodology as well as advanced technologies enabling a new paradigm for fruition of the cultural space and cognitive mediation, in “themed-parks”, based on the concept of neo-places (neoluoghi) as opposed to Marc Augé’s non-places. It also studies how to leverage Social Network analysis (social mining) to profile users, understand their interests and offer them engaging interactions with the cultural asset.


This paper presents the preliminary results of the MarcoPolo project, co-funded by the European Commission and the Italian Ministry of education, University and scientific Research (MIUR) under EUROSTARS, an innovation program addressed to European research intesive SMEs.
MarcoPolo aims at developing a mobile cross-platform metaframework based on the Open Source Roma Metaframework and Model Driven Architecture (MDA) techniques, for speeding up development for smartphones and tablets based on Android and iPhone. This is complemented by an innovative cloud- based Integrated Development Environment (IDE).

Per maggiori informazioni:



first2015


logo-neoluoghi



loghi_12mm_s








Il progetto Smart Healty ENV ad Internet Festival 2014

Il progetto Smart Healty ENV sarà presente all’Internet Festival 2014 che si terrà a Pisa dal 9 al 12 Ottobre.

Nelle date del 9 e 10 Ottobre verranno organizzate dimostrazioni delle tecnologie e dei prototipi sviluppati.

Internet Festival 2014
Internet Festival 2014

Per gli orari e per approfondire :

  1. link al sito dell’Internet Festival 2014,
  2. maggiori info sul progetto
  3. sito web ufficiale di Smart Healty ENV.


she.jpg

PCreoLoghi_AngoloFrase3001

 




Il progetto NeoLuoghi presentato a EVA Florence 2014

Rigel ha presentato i risultati preliminari del progetto NeoLuoghi alla Conferenza EVA Florence 2014, nell’ambito della sessione “Access to Cultural Heritage”. L’articolo scientifico realizzato in collaborazione con i partner del progetto, si intitola “NeoLuoghi: a Solution for Cultural Experience in Places of Elective Supermodernity” ed è stato illustrato alla conferenza da Francesco Spadoni. Nel contesto di una nuova offerta culturale realizzata sia in luoghi fisici come centri storici, campi di battaglia, aree archeologiche, ecc., sia in nuove strutture come i parchi tematici culturali, il progetto NeoLuoghi ha l’obiettivo di creare soluzioni coordinate per la progettazione, la gestione e la valorizzazione di questi nuovi contesti fruitivi, rappresentati dai parchi tematici “impliciti” (centri urbani) ed “espliciti” (parchi tematici artificiali di argomento culturale).

Architettura SN NL v2.0

Abstract

This paper presents the first results of NeoLuoghi, a research project co-funded by the Italian Ministry of education, University and scientific Research (MIUR) under the PON R&C program. The project proposes an innovative methodology as well as advanced technologies enabling a new paradigm for fruition of the cultural space and cognitive mediation, in “themed-parks”, based on the concept of neo- places (neoluoghi) as opposed to Marc Augé’s non-places. The paper briefly describes the methodology developed in NeoLuoghi for the automated production of myth-related narrative scripts for themed parks in a scenario of cultural fruition and gives details concerning the design of the visitor experience and in particular, the management of the social networking interactions in the themed park.


This paper presents the preliminary results of the MarcoPolo project, co-funded by the European Commission and the Italian Ministry of education, University and scientific Research (MIUR) under EUROSTARS, an innovation program addressed to European research intesive SMEs.
MarcoPolo aims at developing a mobile cross-platform metaframework based on the Open Source Roma Metaframework and Model Driven Architecture (MDA) techniques, for speeding up development for smartphones and tablets based on Android and iPhone. This is complemented by an innovative cloud- based Integrated Development Environment (IDE).

firstPer maggiori informazioni:






logo-neoluoghi



loghi_12mm_s










Nuova release del sito del progetto SmartHealtyENV

Una nuova versione del sito ufficiale del progetto SmartHealtyENV è disponibile online. Questa release è più chiara e semplice da navigare. Il sito ufficiale descrive gli obiettivi del progetto ed i risultati sinora raggiunti. A breve sarò disponibile anche l’applicazione web realizzata da Rigel che consentirà di accedere ai dati monitorati nel progetto pilota nella città di Pisa.

Schermata 10:05:14 23:05

Il progetto

Il progetto SmartHealtyENV. cofinanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del programma POR Creo, ha l’obiettivo di sviluppare una soluzione tecnologica innovativa e multidisciplinare per il monitoraggio dell’inquinamento ambientale nelle aree urbane e suburbane e per lo studio dell’influenza dei parametri misurati sulla qualità della vita dei cittadini.


This paper presents the preliminary results of the MarcoPolo project, co-funded by the European Commission and the Italian Ministry of education, University and scientific Research (MIUR) under EUROSTARS, an innovation program addressed to European research intesive SMEs.
MarcoPolo aims at developing a mobile cross-platform metaframework based on the Open Source Roma Metaframework and Model Driven Architecture (MDA) techniques, for speeding up development for smartphones and tablets based on Android and iPhone. This is complemented by an innovative cloud- based Integrated Development Environment (IDE).

she_jpg_310Per maggiori informazioni:





PCreoLoghi_AngoloFrase3001


















NeoLuoghi

logo-neoluoghi

un nuovo approccio ai beni culturali e di una fruizione più partecipativa e immersiva. L’utente di oggi è più restio verso i percorsi preconfigurati e le semplici didascalie della comunicazione culturale tradizionale, mentre risulta maggiormente indirizzato a un turismo di scoperta e di immedesimazione in contesti identitari, storici e mitologici.
Per rispondere a queste nuove esigenze, il progetto propone una nuova offerta culturale  realizzata sia in luoghi fisici come centri storici, campi di battaglia, aree archeologiche, ecc., sia in nuove strutture come i parchi tematici culturali.  La creazione di soluzioni coordinate per la progettazione, la gestione e la valorizzazione di questi nuovi contesti fruitivi, rappresentati dai parchi tematici “impliciti” (centri urbani) ed “espliciti” (parchi tematici artificiali di argomento culturale), rappresenta l’obiettivo primario del progetto.
Le metodologie e gli strumenti realizzati consentiranno di operare a più livelli sui neo-luoghi, per poterli:
a) comprendere, progettare, disegnare, dotare di contenuti;
b) infrastrutturare e dotare di servizi avanzati;
c) rendere sostenibili e funzionali a strategie di sviluppo del territorio.

Un nuovo approccio ai beni culturali ed una fruizione più partecipativa e immersiva…

L’utente di oggi è più restio verso i percorsi preconfigurati e le semplici didascalie della comunicazione culturale tradizionale, mentre risulta maggiormente indirizzato a un turismo di scoperta e di immedesimazione in contesti identitari, storici e mitologici.

Per rispondere a queste nuove esigenze, il progetto NeoLuoghi propone una nuova offerta culturale realizzata sia in luoghi fisici come centri storici, campi di battaglia, aree archeologiche, ecc., sia in nuove strutture come i parchi tematici culturali. La creazione di soluzioni coordinate per la progettazione, la gestione e la valorizzazione di questi nuovi contesti fruitivi, rappresentati dai parchi tematici “impliciti” (centri urbani) ed “espliciti” (parchi tematici artificiali di argomento culturale), rappresenta l’obiettivo primario del progetto.

Le metodologie e gli strumenti realizzati consentiranno di operare a più livelli sui neo-luoghi, per poterli:

  • comprendere, progettare, disegnare, dotare di contenuti;
  • infrastrutturare e dotare di servizi avanzati;
  • rendere sostenibili e funzionali a strategie di sviluppo del territorio.

Il contributo di Rigel al progetto NeoLuoghi è orientato allo sviluppo della parte della user app di NeoLuoghi che implementa l’esperienza fruitiva relativa alla interazione sociale ed emozionale integrando opportunamente tecnologie di realtà aumentata e social networking per il supporto alla visita e la interazione sociale.

Oltre a Rigel Engineering, partecipano al progetto:

  • Space Spa (Capofila),
  • Gruppo META,
  • Università di Salerno,
  • CNR-ISPF/IRAT di Napoli,
  • Officina Rambaldi,
  • Politecnica,
  • Avioriprese,
  • Isola dei Ragazzi.

Project manager per le attività di Rigel nel progetto NeoLuoghi è Francesco Spadoni, Responsabile della Ricerca di Rigel Engineering.

Per maggiori dettagli:

 

Progetto cofinanziato dal bando PON Ricerca e Competitività 2007 – 2013.

loghi_12mm_s



SmartHealtyENV

logo di SmartHeatyENV

Smart Monitoring Integrated System for a Healthy Urban ENVironment in Smart Cities.

Il progetto SmartHealtyENV intende sviluppare una soluzione tecnologica innovativa e multidisciplinare per il monitoraggio dell’inquinamento ambientale nelle aree urbane e suburbane e per lo studio dell’influenza dei parametri misurati sulla qualità della vita dei cittadini. Tale soluzione permetterà di offrire servizi dedicati al singolo cittadino e alle amministrazioni.

Gli obiettivi generali del progetto sono:

  • monitorare l’inquinamento ambientale nelle aree urbane e suburbane,
  • studiare l’influenza dei parametri misurati sulla qualità della vita dei cittadini,
  • creare strumenti per valutare la correlazione fra parametri ambientali e salute dei cittadini,
  • contribuire all’implementazione di una smart mobility degli utenti applicabile anche in piccole realtà urbane.

Il contributo di Rigel al progetto sarà finalizzato allo sviluppo di un Sistema di Elaborazione delle Informazioni (SEI) in grado di gestire la grande mole di dati monitorati, ed implementare gli algoritmi di data mining per estrarne conoscenza. Inoltre verranno realizzate le interfacce utente avanzate per l’accesso e la visualizzazione dei dati, su web e su diverse piattaforme mobili.

Oltre a Rigel Engineering, partecipano al progetto:

  • Infomobility S.r.l. (Capofila),
  • Digitech Srl,
  • ISTI, IFC e IIT – CNR.

Project manager per le attività di Rigel nel progetto SmartHealtyENV è Francesco Spadoni, Responsabile della Ricerca di Rigel Engineering.

Per maggiori informazioni sul progetto SmartHealtyENV si rimanda al sito ufficiale.

 

Progetto realizzato con il contributo della Regione Toscana, cofinanziato dal FERS per l’obiettivo “Competitività regionale e occupazione” anni 2007-2013.

Bando Unico R&S Anno 2012 (Linee di Attività 1.5.a e 1.6. del POR CREO FESR 2007-2013), decreto n. 5874 del 10.12.2012

PCreoLoghi_AngoloFrase3001

 


Il progetto MarcoPolo presentato a EVA Florence 2013

I risultati preliminare del progetto MarcoPolo sono stati presentati il 15 Maggio scorso alla Conferenza EVA Florence 2013, nell’ambito della sessione “EC PROJECTS AND RELATED NETWORKS & INITIATIVES”. L’articolo scientifico presentato da Francesco Spadoni, realizzato in collaborazione con i partner del progetto, si intitola “The Marcopolo Project: Agile Development of Mobile Cross-Platform Tourism Applications on the Cloud”. Il progetto MarcoPolo ha l’obiettivo di definire e sviluppare un meta-framework, cioè un’insieme di strumenti di sviluppo ad alto livello, che permette agli sviluppatori di astrarre dalle problematiche implementative della singola piattaforma mobile.

source: PhoneGap

Abstract

This paper presents the preliminary results of the MarcoPolo project, co-funded by the European Commission and the Italian Ministry of education, University and scientific Research (MIUR) under EUROSTARS, an innovation program addressed to European research intesive SMEs.

MarcoPolo aims at developing a mobile cross-platform metaframework based on the Open Source Roma Metaframework and Model Driven Architecture (MDA) techniques, for speeding up development for smartphones and tablets based on Android and iPhone. This is complemented by an innovative cloud- based Integrated Development Environment (IDE).

This paper presents the preliminary results of the MarcoPolo project, co-funded by the European Commission and the Italian Ministry of education, University and scientific Research (MIUR) under EUROSTARS, an innovation program addressed to European research intesive SMEs.
MarcoPolo aims at developing a mobile cross-platform metaframework based on the Open Source Roma Metaframework and Model Driven Architecture (MDA) techniques, for speeding up development for smartphones and tablets based on Android and iPhone. This is complemented by an innovative cloud- based Integrated Development Environment (IDE).


logo eva florence - Image1

Per maggiori informazioni:












MAITES


Multichannel Application for Infomobility Transport Efficiency and Safety

Obiettivo del progetto MAITES è creare un’infrastruttura finalizzata a offrire un portafoglio configurabile di servizi nel settore della mobilità e del trasporto, (Sicurezza del trasporto e della mobilità, Knowledge Discovery e Supporto alle Decisioni, Localizzazione e Monitoraggio dei trasporti, Infomobilità.


Il contributo di Rigel Engineering al progetto è focalizzato nei punti seguenti:

  • lo studio di una metodologia e la realizzazione di strumenti per la valutazione quantitativa del rischio per valutare in modo verticale aspetti e porzioni specifiche del sistema MAITES, in uno scenario di mobilità critica,
  • lo sviluppo di una piattaforma innovativa di erogazione di servizi di formazione e supporto decisionale pervasivo in tempo reale per gli utenti di MAITES per fornire un aiuto concreto alla mobilità.


Oltre a Rigel Engineering, partecipano al progetto:

  • Sistematica S.p.A (Capofila),
  • evadevo,
  • CREO,
  • Interporto Toscano A. Vespucci,
  • Sapienza Innovazione,
  • Evoelectronics.

Project manager per le attività di Rigel nel progetto MAITES è Francesco Spadoni, Responsabile della Ricerca di Rigel Engineering.

Per maggiori informazioni sul progetto MAITES si rimanda al sito ufficiale.

ministero-sviluppo-economicologo industria 2015

 





Progetto realizzato con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico, nell’ambito del programma Industria 2015 per la Mobilità Sostenibile.


 


MarcoPolo

Logo del progetto MarcoPolo

Logo del progetto MarcoPolo

Sviluppo agile di applicazioni mobili multipiattaforma per il Cloud basato sul Metaframework open source “Roma”.


Il progetto MarcoPolo ha l’obiettivo di definire e sviluppare un meta-framework, cioè un’insieme di strumenti di sviluppo ad alto livello, che permette agli sviluppatori di astrarre dalle problematiche implementative della singola piattaforma mobile (di tipo smartphone, tablet, etc.) e di concentrarsi sul dominio applicativo e quindi generare automaticamente il pacchetto dell’applicazione per uno specifico dispositivo. Il progetto sviluppa il metaframework, sulla base di framework multi-piattaforma esistenti come Titanium e PhoneGap, allo scopo di organizzare la generazione di applicazioni web native. L’impiego di un metaframework per applicazioni mobili consentirà inoltre di fruire di un ambiente coerente e neutro per lo sviluppo di nuovi dispositivi.

Il progetto fa uso dei servizi web dedicati alle applicazioni mobili già disponibili tramite l’emergente Cloud computing. Questo rappresenta un notevole vantaggio strategico, in quanto consente di sviluppare applicazioni per dispositivi mobili che vanno ben oltre le capacità di qualsiasi smartphone, senza limitazioni di spazio per lo storage dei dati e di potenza computazionale.

MarcoPolo faciliterà la generazione di portali web ed applicazioni mobile di tipo client basate sullo stesso modello di dominio, con conseguenti vantaggi in termini di efficienza computazionale e di comunicazione, maggiore affidabilità e riduzione dei costi di sviluppo.

Inoltre, MarcoPolo fornirà un ambiente di sviluppo integrato (Integrated Development Environment, IDE) basato sul Cloud, per lo sviluppo di applicazioni dedicate a smartphone e tablet basati sulle comuni piattaforme Google-Android e Apple-iOS. L’IDE sarà fruibile via web e fornirà funzionalità semplificate per consentirà anche ad utenti non tecnici lo sviluppo di applicazioni su queste piattaforme.

Oltre a Rigel Engineering, partecipano al progetto:

Project manager per le attività di Rigel nel progetto MarcoPolo è Francesco Spadoni, Responsabile della Ricerca di Rigel Engineering.

Per saperne di più:


Progetto realizzato con il contributo del Programma Eureka-Eurostars (Project co-financed by the Eureka-Eurostars Programme).

Logo-ue

 

Eurostars Eureka Programme Logo

 


Un bel servizio TV sul progetto MINOAS su Euronews

Il canale satellitare Euronews ha realizzato un ottimo servizio sul progetto MINOAS nell’ambito della trasmissione SciTech.


MINOAS project courtesy of Euronews


MINOAS è un progetto di ricerca e sviluppo nell’ambito del Settimo Programma Quadro della Commissione Europea, che rappresenta un’ importante evoluzione nell’economia marittima. Lo scopo principale è quello di semi-automatizzare le ispezioni navali, grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia basate su robot eterogenei (di tipo crawler magnetici e UAV).

Rigel ha contribuito al progetto MINOAS progettando un’architettura di rete affidabile adatta a supportare la comunicazione tra i droni ed il centro di controllo, in un ambiente difficile quale quello delle operazioni marittime, dove tipicamente si hanno disturbi elettromagnetici, multipath, spesse pareti di acciaio ed altri ostacoli ed oggetti in movimento.

Articolo sul sito di Euronews

Il progetto MINOAS

inizio video di Euronews su MINOAS


I risultati finali del progetto SmartCity presentati a EVA Florence 2012

SmartCity logoPresentati i risultati finali del progetto SmartCity  alla Conferenza EVA Florence 2012, nell’ambito della sessione “Access to the culture information”. L’articolo scientifico presentato da Francesco Spadoni, realizzato in collaborazione con i partner del progetto, si intitola “SMARTCITY: Customized and Dynamic Multimedia Content Production for Tourism Applications”, e descrive la visione generale del progetto, la metodologia sviluppata per un processo di produzione efficiente di audioguide partendo dall’indicizzazione di un corpus di testi rilevanti e l’applicazioni web realizzata per l’authoring di guide. Qui di seguito l’abstract dell’articolo, ed i link all’articolo completo, alla presentazione per EVA Florence e al programma della conferenza.

This paper presents the final results of the SMARTCITY project, co-funded by the Tuscany Region under the POR CREO 1.d program. The project proposes an innovative methodology as well as advanced technologies enabling professional services for cultural tourism applications in urban areas as well larger archaeological sites. As of today, many scientific and technological efforts in the specific sector focused on the introduction of technology and all the advantages it brings in cultural and tourism scenarios, rather than content. In addition, the lack of thorough analysis of the needs and behavioural pattern of the new “experience tourists” when performing real or virtual tourist routes, strongly limits the impact that new technologies have on the development of innovative products and services capable of completely fulfil user expectations.

architettura del sistema SmartCity

The SMARTCITY project defines new ways of technological and content oriented “cognitive mediation” of the cultural and tourist experience, by implementing in a simplified but pragmatic and effective way, the paradigm of the so-called ambient intelligence. The project developed methodologies and solutions to meet the emerging demand of fruition of the cultural space and cognitive mediation directly or implicitly expressed by tourists. To this end, the project tries to replace old manual techniques and “handmade” manufacturing solutions, characterized by high intellectual labour intensity and very low flexibility in reuse and adaptation of the content, with industrial oriented methodologies suitable for large scale production, aimed at different fruition target, flexible in reuse and content cross- referencing. Such innovative methodologies allow to realistically enforce the business assumption of systematic, efficient and flexible market coverage of the national landscape of cities and places of culture, starting from the Tuscany regional scenario.

Sistema autore per la creazione dinamica di tour guides

The first part of the research was dedicated to accurately and concretely modeling of user needs and behavior during fruition of cultural tourism events, and to the analysis and development of an innovative methodology for information retrieval and indexing of a large unstructured knowledge base.

The second part of the project was focused to finalize a loosely-coupled system architecture integrating the different system components (knowledge extraction, indexing, authoring editor for guides) and to design and implement the authoring tool for preparing multimedia tourist guides. Finally, the authoring tool has been evaluated with real professional tourist guide authors.

To validate the proposed methodology, the project developed a collaborative platform where non technical users can easily design and develop dynamic multimedia content for the proactive and personalized fruition of tourist routes and cultural paths both in physical (e.g. in the context of art cities) and in virtual locations.”



Progetto realizzato con il contributo della Regione Toscana, cofinanziato dal FERS per l’obiettivo “Competitività regionale e occupazione” anni 2007-2013.

POR CreO FESR 2007-2013 Asse 1 Attività 1.1 Linea di intervento D – per un importo pari a €1.320.094,39 sul costo stimato per la realizzazione del progetto di €1.833.464,43.

Logo-ue Logo Regione Toscana

Logo POR CreO FESR 2007-2013 Le ali alle tue idee



SSOA

Sviluppo di Sensori Ottici Avanzati

Il progetto si propone lo sviluppo di una nuova tipologia di sensori di luce adatti ad applicazioni aereo/spaziali e nella loro applicazione alla realizzazione di un sistema di analisi spettroscopica innovativo per camere a vuoto. I rivelatori di luce sono basati sui cosiddetti fotomoltiplicatori a stato solido, o avalanche diodes in geiger mode (SiPM dall’inglese Silicon PhotoMultiplier). Si tratta di una nuova tecnologia per la rivelazione della radiazione elettromagnetica visibile, che è in corso di sviluppo dopo gli studi pionieristici condotti negli ultimi dieci anni da varie università italiane ed estere. Il vantaggio di questo nuovo tipo di rivelatori consiste nella loro sensibilità elevata (che rende possibile la visione in condizioni di semi-oscurità), il piccolo livello di rumore e la loro velocità di risposta (tempi caratteristici dell’ordine dei nanosecondi). Questi sensori sono particolarmente adatti a sviluppare sistemi diagnostici avanzati (basati su tecniche di analisi spettrale), robotici, da poter usare per indagini sperimentali in remoto su propulsori elettrici satellitari all’interno di grandi camere di simulazione spaziale.

CD-ROM Photodetector

Le possibili applicazioni di questa tipologia di rivelatori sono innumerevoli e spaziano dall’elettronica di consumo (come le telecamere e le fotocamere digitali), ai sensori scientifici (ad esempio quelli per l’astronomia, l’osservazione della Terra e dei pianeti), ai sistemi biomedici (diagnostica per immagini), fino ai robot, ai sistemi di visione, alle applicazioni militari (visione notturna), etc. Si noti che la grande sensibilità di questi rivelatori può essere utilizzata per lo sviluppo di sensori che operino in condizioni di scarsa illuminazione, oppure per ottenere forti aumenti della risoluzione spaziale e/o spettrale di sistemi ad immagine operanti in condizioni ordinarie di illuminazione (e.g. i sensori per l’osservazione della Terra).

Il contributo di Rigel al progetto si focalizza sulla stesura di un software di gestione della produzione, compreso la documentazione dei test e delle specifiche dei componenti indispensabili per la produzione di oggetti qualificati per lo spazio e sulla implementazione dei programmi di controllo del sistema e dei programmi di analisi e display dei dati relativi  su sistema operativo Linux (opzionalmente trasportabile su Windows).

Programma di ricerca:

Progetto realizzato con il contributo della Regione Toscana, cofinanziato dal FESR per l’obiettivo “Competitività regionale e occupazione” anni 2007-2013.

POR CreO FESR 2007-2013 Asse 1 Attività 1.1 Linea di intervento A

 

Logo-ue


Il progetto SmartCity a EVA Florence 2011

SmartCity logoPresentati i primi risultati del progetto SmartCity  alla Conferenza EVA Florence 2011, nell’ambito della sessione “Access to cultural information”. L’articolo scientifico presentato da Francesco Spadoni, realizzato in collaborazione con i partner del progetto, si intitola “SMARTCITY: Innovative Technologies for Customized and Dynamic Multimedia Content Production for Tourism Applications”, e descrive i concetti di base e la visione del progetto, oltre alla metodologia sviluppata per un processo di produzione efficiente di audioguide partendo dall’indicizzazione di un corpus di testi rilevanti.


Progetto realizzato con il contributo della Regione Toscana, cofinanziato dal FERS per l’obiettivo “Competitività regionale e occupazione” anni 2007-2013.

POR CreO FESR 2007-2013 Asse 1 Attività 1.1 Linea di intervento D – per un importo pari a €1.320.094,39 sul costo stimato per la realizzazione del progetto di €1.833.464,43.

Logo-ueLogo Repubblica Italiana Logo Regione Toscana

Logo POR CreO FESR 2007-2013 Le ali alle tue idee


SmartCity

SmartCity logo

Nuove soluzioni di ingegneria dei contenuti e di ambient intelligence a supporto del turismo culturale di esperienza.

Il progetto SmartCity svolge una ricerca finalizzata all’analisi dei modelli di comportamento e fruizione informativa del “turismo di esperienza” e alla realizzazione di sistemi integrati per la progettazione, la produzione e l’erogazione dinamica di contenuti multimediali per la fruizione personalizzata di percorsi turistici reali o virtuali.

Le attività di ricerca saranno propedeutiche alla prototipazione di soluzioni innovative per:

  • la realizzazione ed erogazione di contenuti interattivi per i nuovi sistemi di audioguida turistica che integrano tecnologie di posizionamento GPS, audio/video digitale, connettività urbana (Wi-Fi, WiMax) e sensori magnetici di orientamento;
  • l’ambientazione dei contenuti multimediali georeferenziati delle audioguide in scenari 2,5D-3D off-line e on-line esplorabili in modo “naturale” mediante soluzioni di rendering in tempo reale.

Oltre a Rigel Engineering, partecipano al progetto:

  • Space Spa (Capofila),
  • META Srl,
  • Istituto di Linguistica Computazionale – CNR.

Project manager per le attività di Rigel nel progetto SmartCity è Francesco Spadoni, Responsabile della Ricerca di Rigel Engineering.

 

Progetto realizzato con il contributo della Regione Toscana, cofinanziato dal FERS per l’obiettivo “Competitività regionale e occupazione” anni 2007-2013.

POR CreO FESR 2007-2013 Asse 1 Attività 1.1 Linea di intervento D – per un importo pari a €1.320.094,39 sul costo stimato per la realizzazione del progetto di €1.833.464,43.

PCreoLoghi_AngoloFrase3001

 

 


ZEUS

ZEUS è un progetto di sviluppo precompetitivo che ha perseguito l’obiettivo di realizzare una sala operativa Command, Control, Communications, Computers, and Intelligence (C4I), di tipo dual-use, nella quale siano presenti funzioni che trovano applicazioni sia in ambito civile che per la difesa. In particolare sono state sviluppate funzioni innovative da utilizzare per il controllo e la gestione di operazioni di crisi legate ad antiterrorismo, contrasto della criminalità e gestione di disastri naturali.

(continua…)


MINOAS

MINOAS progetto di ricerca e sviluppo nell’ambito del Settimo Programma Quadro della Commissione Europea, rappresenta un’ importante evoluzione nell’economia marittima, si occupa, in particolare, di facilitare i processi e minimizzare i tempi di inattività, reingegnerizzando l’intera metodologia di ispezione di una nave, introducendo un innovativo sistema che utilizza tecnologie all’avanguardia, formulando al tempo stesso una nuova standardizzazione dell’intero processo di ispezione.

MINOAS propone lo sviluppo di una nuova infrastruttura che sostituisca parte del personale umano, sulla nave, con robot opportunamente abilitati alla locomozione; questo dunque consentirà al personale adibito alle operazioni di ispezione di poter svolgere le proprie funzioni in modo virtuale dalla “control room” della nave, piuttosto che direttamente nella stiva o in altri luoghi da ispezionare.

Il risultato è che il numero e la sequenza di compiti richiesti è ottimizzato e l’intera procedura di ispezione è allineata alla corrente tendenza adottata in simili operazioni di ispezione, esplorazione e sorveglianza. Inoltre viene migliorata la percezione umana attraverso l’utilizzo di strumenti (sensori) ad alta risoluzione, congiuntamente al supporto della parallela elaborazione informatica fornita dal sistema MINOAS.

(continua…)


Progetti

Gestione e distribuzione protetta di musica e contenuti multimediali

Sistemi di supporto alle decisioni in ambito marittimo e ambientale
Sistemi di monitoraggio, prevenzione, gestione emergenze, valutazione dei rischi in ambito marittimo e ambientale.

Applicazioni per l’accessibilità ed il supporto agli utenti disabili
Supporti software per migliorare l’accessibilità del web e delle applicazioni informatiche, ausili per utenti disabili e per gli anziani.

Sistemi di controllo del traffico in ambito portuale ed aeroportuale
Sistemi che intervengono per migliorare la gestione dei trasporti dal punto di vista del controllo del traffico, delle rotte, dei conflitti di traiettoria, della manutenzione delle componenti a bordo.

Domotica
Sistemi che si occupano del controllo di ambienti domestici e del lavoro.

Spazializzazione audio tridimensionale
Sistemi audio e di sintesi del suono.